Monthly Archives: marzo 2012

Tutta mia la città…

I am the City 2.0.Dream me.Build me. Make me real.

Il vincitore del Ted Prize 2012 non è una donna e nemmeno un uomo. L’ambito premio, che assegna $ 100,000, è andato a una piattaforma tecnologica.

Perché? Con quale scopo?

Partiamo dal nome “City 2.0”. L’idea è quella di consentire ai cittadini del mondo di partecipare alla creazione della propria città in forma partecipata. La piattaforma ha lo scopo di sollecitare, collegare e responsabilizzare gli individui e le comunità in tutto il mondo attraverso i contenuti editoriali (video e testo), un database condivisibile, con strumenti per la connessione locale e risorse per lo sviluppo delle idee.

Il risultato sarà una rete di progetti sperimentali in continua espansione, che saranno valutati e corretti…

Intanto è online il sito www.thecity2.org  dove è possibile iscriversi, incontrarsi virtualmente e dove sarà possibile formare  gruppi interdisciplinari.

La prima fase chiama a raccolta e al confronto tutti i cittadini interessati con questi obiettivi:

1. determinare il problema che si vuole affrontare (ad esempio il traffico, la mancanza di alberi);
2. determinare collettivamente una soluzione;
3. sviluppare un piano d’azione comune;
4. lavorare per implementare la soluzione;
5. condividere la storia del successo o fallimento.

TED premiando questo progetto in realtà premia, attraverso borse di studio da 10.000 dollari, i dieci progetti locali giudicati migliori per la loro capacità di coinvolgere altri cittadini (premiazione nel luglio 2012).

Il sito, così come il progetto, è in continuo sviluppo e questi sono i principali step di crescita:

– espandere funzionalità di connessione tra i cittadini;
– sviluppare e progettare modelli per la condivisione delle conoscenze tra le nuove idee formulate sul sito e progetti preesistenti;
– costruire una sezione di risorse con nuovi partner locali e globali;
– introdurre soluzioni tecnologiche per le comunità non basate su web;
– ampliare il programma di incentivazione finanziaria con le offerte di finanziamento per i progetti di maggiori dimensioni attivi;
– stabilire incontri locali e/o globale.

“Immaginate una piattaforma che si riunisce, a livello locale e globale”, ha spiegato un corto animato proiettato durante la conferenza. “Combina la portata della nube con la potenza della folla. Collegare leaders, esperti, aziende, organizzazioni e cittadini. Condividi i tuoi strumenti, dati, progetti, successi e idee. Trasformarli in azione “.

Molto simile al progetto open Architecture Network creato da Cameron Sinclair,  vincitore del TED Prize 2006 e fondatore di Architecture for Humanity, TheCity2.o ne ha di strada da fare.

Noi vogliamo essere ottimiste e quindi vi invitiamo a partecipare alla sua costruzione.

Vai a The City 2.0


Evviva la 27a ora!

Potevamo proporvi uno dei tanti rapporti usciti in questi giorni sulla situazione delle donne nel mondo.

Potevamo oppure raccontarvi la storia di una donna.

Potevamo infine dedicare questo spazio ad un progetto di donne.

Invece  questo 8 marzo lo vogliamo dedicare al Blog della “27a ora” (che oggi apre con un articolo di Lea Melandri), che secondo noi ha contribuito a far emergere alcuni argomenti  come la conciliazione, il lavoro, la vita delle donne.

La 27ORA è un blog al femminile: racconta le storie e le idee di chi insegue un equilibrio tra lavoro (che sia in ufficio o in casa), famiglia, se stesse. Il nome nasce da uno studio secondo il quale la giornata delle donne in Italia dura 27ore allungandosi su un confine pubblico-privato che diventa sempre più flessibile e spesso incerto. Tempi di multitasking, per scelta e/o per forza. Prospettive professionali e desiderio di maternità; genitori che crescono i figli e figli che accudiscono i genitori anziani; cronache affettive in coppia, da single, tra amici; questioni di diritti, di leadership e di autostima. Sono i baratti quotidiani, che generano dubbi comuni e soluzioni personali. Noi qui cerchiamo di offrire e scambiarci notizie, suggerimenti, riflessioni gravi e leggere. All’inseguimento di una società dove ognuno possa crescere libero, nel rispetto reciproco.

Un anno con una visione diversa sulle tematiche di tutti i giorni. Uno spazio di tutti, in cui sono discusse e analizzate questioni quotidiane, che non hanno mai trovato evidenza.

Stare dalla parte delle donne è stare dalla parte del mondo. Fare qualcosa per migliorare la vita di tutti i giorni, in fin dei conti, è facile  e risulta vincente.

Grazie quindi a chi a deciso di creare il blog e a chi cura questo prezioso spazio de “Il Corriere della sera”.

Ascolta l’intervista a Barbara Stefanelli (vicedirettore Corriere della Sera) realizzata nel settembre 2011 al convegno “Temi: il mondo femminile, la Rete e il difficile equilibrio tra i ruoli di donna, madre e lavoratrice.”


Smart Cities e Social Innovation

Il Miur ha pubblicato l’“Avviso per la presentazione di idee progettuali per ‘Smart Cities and Communities and Social Innovation’” nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività” 2007/2013 per le Regioni della Convergenza.

Il Bando, in buona sostanza, riguarda le regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

L’Avviso invita a presentare progetti per “Smart Cities and Communities” nell’ambito dell’Asse II del PON (azioni integrate per lo sviluppo sostenibile e lo sviluppo della società dell’informazione) e progetti di “Innovazione sociale” nell’ambito dell’Asse III (iniziative di osmosi Nord-Sud).

Smart Cities and Communities
Le idee progettuali dovranno proporre soluzioni avanzate negli ambiti di interesse pubblico e sviluppare modelli di integrazione sociale. L’ambito applicativo è quello delle Smart Cities and Communities, ovvero dello sviluppo di soluzioni innovative per problemi di scala urbana e metropolitana tramite tecnologie, applicazioni, modelli di integrazione e inclusione. La Smart Community va intesa in senso ampio rispetto alla definizione di agglomerato urbano di grande e media dimensione. E’ una “città diffusa”, una “comunità intelligente” che affronta congiuntamente temi socio-ambientali quali mobilità, sicurezza, educazione, risparmio energetico o ambientale.
In particolare, i settori di intervento individuati sono:
nell’ambito dell’azione integrata per la società dell’informazione:

  • Smart mobility
  • Smart health
  • Smart education
  • Cloud computing technologies per smart government
  • Smart culture e Turismo

nell’ambito dell’azione integrata per lo sviluppo sostenibile:

  • Renewable energy e smart grid
  • Energy Efficiency e low carbon technologies
  • Smart mobility e last-mile logistic
  • Sustainable natural resources (waste, water, urban biodiversity)

Possono partecipare all’Avviso imprese, centri di ricerca, consorzi e società consortili, parchi scientifici e tecnologici con sedi operative nelle Regioni della Convergenza o che si impegnino a costituire una sede in una delle quattro Regioni in caso di approvazione del progetto.
Per la realizzazione dei progetti “Smart Cities and Communities” le risorse complessive a valere sul PON R&C 2007-2013 sono pari a 200.696.821 euro.
E’ attribuito un ruolo particolarmente importante alle Pubbliche Amministrazioni locali, che saranno coinvolte nella sperimentazione e nell’applicazione concreta dei risultati conseguiti.

Progetti di innovazione sociale
Il Miur intende inoltre coinvolgere le generazioni più giovani delle Regioni della Convergenza nella diffusione di una cultura innovativa in tema di Smart Communities. Per questo l’Avviso invita i giovani sotto i 30 anni di età residenti nelle quattro Regioni a presentare progetti tecnologicamente innovativi per la soluzione, nel breve-medio periodo, di problemi specifici delle proprie aree urbane di appartenenza.
Per i “Progetti di innovazione sociale”le risorse a disposizione sono 40 milioni di euro a valere sul PON R&C 2007-2013, Fondo Europeo Sviluppo Regionale (50%) e Fondo di Rotazione (50%).

 

I progetti devono essere presentati sul portale Sirio (http://roma.cilea.it/sirio) entro le 17.00 del 30 aprile 2012.

 

L’avviso è pubblicato sul sito del Miur, area Ricerca, nello spazio PON “Ricerca & Competitività” 2007/2013.

Vai al sito del Miur


linkedin
Facebook
Facebook