Monthly Archives: settembre 2012

  • -

Molto più di una principessa

Chiedete a un ingegnere quale fosse il suo gioco d’infanzia preferito e risponderà il LEGO.

Debbie è un’ingegnere di Stanford. Nel suo video pubblicato su Kickstarter dichiara che da bambina pensava all’ingegneria come a una disciplina maschile e da nerd.

Crescendo ha scoperto che in realtà che “gli ingegneri” facevano cose interessanti e importanti per rendere la vita di tutti più facile.

Crescendo ha anche scoperto che la sua percezione sul lavoro di genere era corretta: solo l’11% degli ingegneri sono donne. Ora offre un piccolo aiuto per tentare di cambiare la cultura nella quale le bimbe crescono e per offrire pari opportunità nel gioco anche a loro.

Ha creato GoldieBlox per ispirare le ragazze a sviluppare un interesse precoce e abilità in ingegneria. E ‘tempo di motivare le nostre ragazze per aiutare a costruire il nostro futuro.

GoldieBlox è un gioco di costruzioni accompagnato da un libro interpretato da Goldie, un’inventrice.Età: 5-9anni
L’intero set comprende:
Un libro: “GoldieBlox e il filatoio”: Goldie costruisce una trasmissione a cinghia per far girare tutti i suoi amici.
Pupazzetti: Nacho (amato cane Goldie), Benjamin Cranklin (il gatto), Katinka (la ballerina delfino), Phil (il bradipo), e Flavio (l’orso).
Set di costruzione: 1 base, 5 ruote, 10 assi, 5 rocchetti, 1 manovella, 1 nastro e 5 rondelle.

Le storie di Goldie storie saranno disponibili come e-book gratuito per iPhone e iPad con video narrazione, animazione e tutorial.

Vai su kickstarter e finanzia la sua idea!


  • -

Neve bene comune

Tim Ostler 12 anni fa è rimasto paralizzato dal torace in giù a causa di un incidente avuto con lo snowboard su un halfpipe.  Da quel giorno Tim non è più salito su una tavoletta.

Crankbrothers è un’impresa di un gruppo di artisti della ruota e del pedale. Non sono dei semplici ciclisti o dei produttori di biciclette. Sono inventori e artisti a tutto tondo: applicano tecnologia e design in ogni singolo ingranaggio delle loro mountain bike.

Dave Lee è un amico di Tim ed è socio di  Signal Snowboards, un’azienda produttrice di snowboard ad alta tecnologia.

Dave ha creato con il team di Crankbrothers la prima tavola ibrida con cui Tim è tornato a volare sulla neve.

In questo video è descritta la costruzione della nuova tavoletta ibrida, che fonde la tecnologia della tavole Signal con le componenti tecniche e meccaniche dei Crank.

Guarda il video

Se il prototipo diventasse un prodotto acquistabile, la neve potrebbe tornare ad essere alla portata di tutti…

Vai al sito di Dave Lee

Vai al sito dei Crankbrothers


  • -

Progetto promosso o bocciato?

Beh, questa volta pare stia anche a noi dirlo. Ma non è ancora detto che si riesca a stabilirlo.

L’oggetto del nostro interesse è un portale opendata: OpenCoesione, per la precisione. Lo ha attivato il Ministero per la coesione  ed è il primo portale sull’attuazione degli investimenti programmati nel ciclo 2007-2013 da Regioni e amministrazioni centrali dello Stato con le risorse per la coesione e lo sviluppo.

La UE e lo Stato hanno tra i propri obiettivi quello di garantire al meglio eguaglianza di opportunità e di qualità della vita nei diversi territori. Si tratta di un obiettivo ambizioso che rende indispensabile un’azione aggiuntiva e un sostegno speciale per quei territori e comunità che per le ragioni più disparate divergono dalle traiettorie migliori. Risorse dedicate alle politiche di coesione territoriale che agiscono, pur con grande differenza d’intensità, in tutto il Paese.

Comprendono fonti europee, sostenute da un co-finanziamento nazionale, che costituiscono il Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR) e il Fondo sociale europeo (FSE), e fonti nazionali che costituiscono il Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC, ex FAS).

Nell’autunno del 2011 i ritardi nell’attuazione di molti (anche se non di tutti i) programmi dei Fondi strutturali (FS) 2007-2013 e la pressione dell’Unione Europea hanno indotto il Governo italiano ad assumere un impegno di accelerazione nell’uso dei fondi con la lettera del Presidente del Consiglio al Presidente della Commissione Europea e al Presidente del Consiglio Europeo del 26 ottobre 2011, tradottosi poi nelle Conclusioni del Vertice dei Paesi Euro.

È stato così predisposto il Piano di Azione Coesione che si attua attraverso una revisione delle scelte di investimento compiute  con lo scopo di accelerare gli interventi e rafforzarne l’efficacia

In altri termini: spendere i fondi disponibili e spenderli bene, per evitare che le risorse comunitarie vengano sprecate o – addirittura, in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi – revocate.

Ed ecco quindi un portale che dovrebbe garantirne la gestione trasparente.

“I dati sono pubblicati perché i cittadini possano valutare se i progetti corrispondono ai loro bisogni e se le risorse vengono impegnate in modo efficace. “

Non è però così semplice dare una valutazione: mancano infatti obiettivi, azioni, risultati attesi, beneficiari e altri elementi che in ambito valutativo sono fondamentali.

Diciamo comunque che è un primo passo verso un’amministrazione open, che pone le basi per una maggiore partecipazione della cittadananza alla res publica.


Nel portale sono presenti dati relativi a progetti inclusi in programmi cofinanziati con Fondi Strutturali europei , a eccezione dei programmi di cooperazione internazionale o transfrontaliera sino a dicembre 2011. Il Ministero implementerà man mano il portale con nuovi dati.

Attualmente per ogni progetto inserito sono disponibili informazioni relative all’ambito settoriale o tematico, al luogo in cui si realizza, ai soggetti coinvolti e ai tempi di realizzazione. Chi ha un progetto inserito è invitato dall’amministrazione ad implementarlo nelle parti mancanti.

I dati, in piena logica open, sono tutti scaricabili.

Vai al portale OpenCoesione


linkedin
Facebook
Facebook