Monthly Archives: gennaio 2013

  • -

Sei connesso?

“Tra locale e globale: sei connesso?” è il progetto di educazione interculturale promosso dalle scuole pubbliche e cofinanziato da Fondazione Cariplo attraverso il bando Intercultura – 2011. Il progetto è stato sperimentato in alcune scuole pubbliche della Provincia di Monza e Brianza di ogni ordine e grado. L’intervento si è avvalso della collaborazione di una cooperativa sociale che offre servizi rivolti a bambini e bambine e ragazzi e ragazze attraverso animazione, supporto scolastico e interventi aggregativi rivolti ad adolescenti .

La sfida portata avanti è stata quella di concentrare l’intervento non solo sul giovane straniero o la sua famiglia, ma proprio sulla scuola come agenzia educativa, a cui è chiesto un ruolo specifico come spazio e tempo di integrazione, quindi come agente di inclusione sociale e culturale. Alle scuole è infatti assegnato un compito fondamentale nella formazione della coscienza civile e sociale degli adolescenti e dei giovani della comunità. A scuola i bambini e le bambine prima, i ragazzi e le ragazze poi, sperimentano le loro prime realtà  sociali organizzate al di fuori dello spazio familiare. E per alcuni di loro queste, a volte, restano a  lungo anche le uniche forme di socialità.

Il progetto si è basato sul principio secondo il quale i processi educativi relativi ai settori formali e non formali  dell’istruzione dovrebbero veicolare una migliore comprensione di un mondo sempre più globalizzato.

Le metodologie partecipative e laboratoriali adottate all’interno dei percorsi hanno favorito il coinvolgimento dei partecipanti che si sono resi disponibili per un lavoro di produzione di materiali didattici e di sistematizzazione dei contenuti affrontati.

Il progetto è stato sperimentato per due anni scolastici 2011/2012 e 2012/2013.

L’idea progettuale è nata dall’Istituto Comprensivo di Carnate, un Istituto che racchiude scuole materne, elementari e medie con elevata affluenza di alunni stranieri. Il coinvolgimento della scuola secondaria di secondo grado Vanoni di Vimercate nasce –come vedremo più avanti- dalla scommessa di lottare contro l’iniquità sociale e per diffondere le pari opportunità tra gli alunni.

Carnate con i suoi 670 residenti stranieri è il terzo Comune con la più alta percentuale di cittadini stranieri (9,1%) nella Provincia di Monza e Brianza (lo precedono Monza e Renate). Gli alunni stranieri che frequentano l’Istituto Comprensivo di Carnate (scuola  dell’infanzia, scuola primaria e secondaria di primo grado) nell’anno scolastico 2010/2011 sono 136 su 689 (19,7%), appartenenti a 29 nazionalità diverse. A Vimercate nell’ultimo decennio il numero di stranieri residenti è sempre stato in costante ascesa. Vimercate conta 1.915 stranieri (7,9% della popolazione totale), e di questi il 22% sono minori. L’Istituto Vanoni conta 838 studenti, di cui circa l’8% stranieri (67 con cittadinanza straniera nati all’estero e 3 con cittadinanza straniera nati in Italia), appartenenti a 20 nazionalità.

Il progetto Intercultura “ Tra locale e globale: sei connesso? “  ha attivato percorsi nuovi, utilizzando strumenti differenti da quelli tradizionali, riguardanti tutti l’educazione interculturale intesa come acquisizione di quelle competenze indispensabili a comprendere la realtà complessa e globalizzata nella quale viviamo, attraverso il decentramento dei punti di vista.

All’interno di questi percorsi alcuni gruppi classe o gruppi di alunni di classi diverse hanno lavorato anche con gli esperti della cooperativa Aeris utilizzando come strumento di mediazione didattica la web-radio, il video, la drammatizzazione ecc..

Il focus progettuale è stato quindi “la comunicazione” in senso ampio. L’educazione all’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione e una maggior vicinanza degli insegnati a queste pratiche fa si che la rete diventi un’apertura al mondo e al contatto con il gruppo. La comunicazione è intesa come spazio di apertura e come occasione per integrarsi al mondo di cui si fa parte. Sono stati attivati dei laboratori (NetLab) rivolti a italiani e stranieri, suddivisi per fasce di età. I laboratori si sono svolti nelle scuole, nelle biblioteche e nelle associazioni coinvolte, in orari scolastici ed extrascolastici.

Il progetto si è concluso rispettando i contenuti, le attività e i costi previsti nella progettazione e la tempistica di realizzazione.

Ascolta le trasmissioni fatte dai ragazzi e dalle ragazze


linkedin
Facebook
Facebook