Sociopratiche

Argomenti

Info

Questo articolo è stato scritto il 10 Lug 2017, ed è indicizzato nella sottocategoria Educare e formare, Eventi in formazione, Progetti educativi e formativi.

Tag di questo articolo

, ,

Maieutica reciproca

Segnaliamo due interessanti iniziative del Centro Sviluppo Creativo Danilo Dolci indirizzate ad operatori ed educatori impegnati nel lavoro con i giovani.

La prima iniziativa fa parte del progetto READ – Ridurre l’esclusione sociale attraverso un approccio creativo alla lettura, un progetto che promuove l’uso dell’educazione non-formale per prevenire ed affrontare la diversità, l’abbandono scolastico e l’esclusione sociale. Nell’ambito di tale progetto, il Centro Sviluppo Creativo Danilo Dolci cerca due operatori giovanili e/o giovani interessati a promuovere l’alfabetizzazione e la lettura tra i ragazzi, in particolare quelli che vivono in contesti svantaggiati, per una job shadowing in India e in Kenya.
La seconda iniziativa promossa sempre dal Centro Sviluppo Creativo Danilo Dolci è l’avvio della terza edizione del corso gratuito di formazione promossa all’interno del progetto ROBIN – Reinforcing cOmpetences to Build Inclusion through a New learning methodology, un progetto finanziato dal programma Erasmus+ Azione chiave 2 – Partenariati strategici nel settore dell’educazione degli adulti con l’obiettivo di prevenire l’abbandono scolastico dei minori migranti, rafforzando le competenze personali, sociali, tecniche e metodologiche del personale che lavora con loro, per favorirne un’effettiva integrazione sociale. Il corso offre ad educatori e operatori sociali l’opportunità di accrescere le proprie competenze personali e metodologiche grazie ad una metodologia di apprendimento integrata basata sull’apprendimento esperienziale attraverso attività psicosociali.
Il Centro per lo Sviluppo Creativo “Danilo Dolci” nasce dall’esperienza di lavoro sociale ed educativo di Danilo Dolci e dei suoi collaboratori, avviata nella Sicilia occidentale sin dal 1952. Creato a partire dall’esigenza di offrire alle comunità locali una struttura impegnata nella risoluzione pratica dei problemi emersi negli incontri continui con la gente, attraverso l’autoanalisi popolare, si costituisce nel 1958 come Centro Studi e Iniziative per la Piena Occupazione, con l’intento ultimo di promuovere lo sviluppo economico e sociale del territorio.

I commenti sono chiusi.