Category Archives: SP in progettazione

  • -

Dementia Friendly Communities

Un caso di demenza ogni 3 secondi nel mondo; 46,8 milioni le persone affette da demenza con una previsione di raddoppio ogni 20 anni.
E in Italia? Parliamo di 1.241.000 persone con demenza, che diventeranno 2.272.000 nel 2050.
In assenza di cure efficaci si stanno adottando diverse soluzioni creative per migliorare la qualità della vita dei malati e delle loro famiglie. In diversi Paesi (UK, Germania, Belgio, Danimarca, Olanda, Canada, Giappone, India, Australia) si sono adottati ormai da molti anni soluzioni creative quali le “Dementia Friendly Communities”.
In che cosa consiste? Si tratta di sensibilizzare i cittadini e trasformare quartieri o piccoli comuni in comunità accoglienti verso le persone affette da demenza. Dal giornalaio al panettiere, dal bibliotecario al vigile urbano, tutti saranno capaci di riconoscere un malato di Alzheimer, di trattarlo con umanità e di aiutarlo se ha bisogno.
In Italia la prima sperimentazione, promossa dalla Federazione Alzheimer Italia, è partita nel Comune di Abbiategrasso, alle porte di Milano.
Il Comune è stato prescelto per avviare il progetto pilota sia per le sue dimensioni (31.000 abitanti) sia per il tessuto sociale e le reti di solidarietà già presenti sul territorio.

barbieri-Bari6
lI Progetto è stato inserito a livello comunale nell’ambito delle Politiche dei Tempi Urbani con l’obiettivo di accrescere la conoscenza della malattia come strumento per ridurre l’emarginazione ed il pregiudizio sociale nei confronti delle persone con demenza e dei loro famigliari e, in questo modo, consentir loro di continuare a partecipare alla vita attiva della Comunità. Esercenti, commercianti, addetti al front office degli uffici pubblici e privati, le forze dell’ordine, nonché le associazioni di volontariato e quelle di carattere culturale/ ricreativo sono coinvolte in un’attività di formazione ed informazione, con la finalità di costruire una rete di persone consapevoli in grado di rispondere ai bisogni dei malati e delle loro famiglie e in tal modo, migliorarne la qualità di vita. Rafforzare la presa in carico comunitario significa non lasciare nessuno solo ad affrontare la propria sofferenza e permettere alle persone affette da demenza di continuare a vivere una vita piena.


  • -

Fare, prima di parlare

Muovere una fotocamera a 360°. Affrontare una discesa con sci di legno, come negli anni 20. E come si presenta un atlante materico?

Popupmakers si presenta al suo secondo appuntamento con tre nuove invenzioni.  Tre progetti ottenuti grazie alle conoscenze tecniche ma anche grazie al talento e alla visione di chi le ha ideate.

Dal cilindro di Popupmakers usciranno:

Marianna Milione con il suo Kaleido
E’ un sistema che permette di muovere la fotocamera sia orizzontalmente che a 360° per realizzare time-lapse ma anche altre tipologie di ripresa controllando il movimento sia nella lunghezza che nella rotazione.

Massimo Cutini di ToMake presenta invece Atlante Materico, una mappa delle materie disponibili a costo zero. Materie di scarto della produzione industriale e artigianale che possono essere utilizzate per creare qualcos’altro. Uno strumento per la contemporaneità semplice e che si crea dal basso.

Gabriele Basei con Epoca Ski presenta un’edizione in serie limitata di sci in legno che reinterpreta in chiave moderna lo sci autentico “vecchia scuola” delle Olimpiadi invernali, dagli anni ’20 agli anni ’50.

 

———————–

POPUPMAKERS

PopUpMakers è l’occasione per ogni inventor* di raccontare il proprio prototipo e il proprio progetto.

10 minuti per condividere l’idea, il processo di creazione, gli intoppi e le scoperte del work-in-progress.

15 minuti di domande e risposte, per far emergere punti di forza e debolezza del progetto, per trovarne un’applicazione, per ricevere nuovi spunti.  

Perché presentare la propria invenzione? Per consentire e accelerare connessioni e collaborazioni locali. Per trovare un’applicazione ulteriore.

————————————-

Hashtag su Twitter: #pppmkrs

http://popupmakers.net

20 Marzo dalle 19 alle 21
@ barraA Via Ampere 59  Milano

Ingresso libero.

Per registrarsi all’evento: Eventbrite

————————————-

Altri articoli simili:

C’è da fare…
pentolone
circuito del futuro


  • -

C’è da fare…

Competenze differenti e una visione comune: fare, oltre a pensare e parlare. Condividere soprattutto.

dotdotdot, Officine ArduinoOpenp2pDesignSociopraticheWefab.it hanno organizzato a Milano una serie di eventi a cadenza mensile: incontri  itineranti che toccheranno la città in ogni suo nodo.

Il primo appuntamento è  il  20 febbraio dalle 19 alle 21  da EarlyMorning via dei Valtorta 5.

L’evento è POPUPMAKERS.

PopUpMakers è l’occasione per ogni inventor* di raccontare il proprio prototipo e il proprio progetto.

10 minuti per condividere l’idea, il processo di creazione, gli intoppi e le scoperte del work-in-progress.

15 minuti di domande e risposte, per far emergere punti di forza e debolezza del progetto, per trovarne un’applicazione, per ricevere nuovi spunti.  

Perché presentare la propria invenzione? Per consentire e accelerare connessioni e collaborazioni locali.

Abbiamo già iniziato a parlarvi dei makers, dell’open hardware e di Arduino. (leggi il pentolone e il circuito del futuro )

Questa è l’occasione di iniziare a capire di cosa si tratta: quali progettualità si sviluppano a Milano e in quale direzione…

Chi ci sarà il 20?

dotdotdot presenta Sliding monitor
Una macchina a controllo numerico completamente autocostruita e prototipata che utilizza Arduino e il motorshield per far scorrere i monitor.

Denis Santachiara presenta 3 progetti di Design & 3dprinting

Recipient.cc presenta Interactive Pepper ghosts with kinect/osc/unity
Attraverso l’utilizzo di specifiche tecnologie e materiali hanno approfondito lo studio di fattibilità per la realizzazione di proiezioni olografiche mappate in tempo reale al fine di creare scenografie virtuali che possano interagire con la presenza fisica degli attori.

 

SPECIAL GUEST


Massimo Banzi

Di sè Massimo Banzi dice:Sono un maker cresciuto giocando con i circuiti elettronici, tanto da maneggiare il mio primo saldatore all’età di 12 anni. Nel 2005 ho fondato il progetto Arduino, la scheda a microcontroller open source made in Italy che viene utilizzato dai creativi di tutto il mondo. Sono stato professore associato all’Interaction Design Institute di Ivrea, al CIID di Copenhagen. Ora insegno alla SUPSI di Lugano”. In Italia stiamo imparando a conoscerlo, ma all’estero è così famoso che tutti ce lo invidiano.

Approfondimenti:

http://www.massimobanzi.com/

 

——————————


Josef Prusa

Josef Prusa ha 22 anni, è nato a Sedletín e vive a Praga. Prusa, è l’inventore di una delle più diffuse stampanti 3D al mondo: la Prusa Mendel.

Josef oltre a essere core developer del progetto Reprap, è uno dei protagonisti mondiali del Open Hardware dopo i suoi interventi sul significato dell’ Open Hardware (“Open Hardware Meaning” ) e l’organizzazione della campagna mondiale Occupy Thingiverse, a seguito dell’uscita dell’ultima stampante 3d di  Makerbot, la Replicator 2, con codice serrato.

Approfondimenti:

http://josefprusa.cz

———————————————————————————————————

POPUPMAKERS

Hashtag su Twitter: #pppmkrs

http://popupmakers.net

20 febbraio dalle 19 alle 21
@ EarlyMorning via dei Valtorta 5 MILANO

 


linkedin
Facebook
Facebook