Residence Maker4Dev

  • -

Residence Maker4Dev

Sabato 3 dicembre dalle 15 presso il Wemake in via Stefanardo da Vimercate 27/5, Milano si terrà un pomeriggio dedicato a quanti hanno sentito parlare di makers, fablab e non hanno ancora avuto modo di sperimentarsi nella progettazione e prototipazione di soluzioni tecnologiche a basso costo.
Ouagalab, WeMake e Officine Arduino condurranno un workshop di due ore in cui i partecipanti costruiranno un prototipo di device in ambito agricolo con differenti funzioni.
Il workshop è diretto da Christian Cedric Toe, Maker in Residence, di Ouagalab, il fablab di Ouagadougou (Burkina Faso).

Durante il workshop i makers concretizzano la soluzione a un problema. Anche i cittadini più inesperti, proveranno a costruire dispositivi, oggetti o servizi che rispondono a un bisogno specifico attraverso l’utilizzo di tecnologie digitali: un pluviometro, un device interattivo, ecc. Il workshop sarà anche l’occasione di presentare il percorso formativo relativo al progetto Lora.

Il pomeriggio prosegue con la presentazione dei progetti e dei prototipi in fase di realizzazione in Burkina Faso nel progetto Makers4Dev, nelle filiere del riso e del miele, con capofila la Fondazione Acra e inserito nel programma Innovazione per lo sviluppo, promosso e finanziato da Fondazione Cariplo, Compagnia San Paolo e Fondazione CRT.
La presentazione sarà effettuata in diretta streaming grazie all’intervento di Ouagalab in Burkina Faso.

ouagalab

Programma dell’evento

h.15.00 Presentazione del programma innovazione per lo sviluppo

h.15.30 Workshop: costruisci il tuo device in ambito agro-alimentare – Christian Cedric Toe

h. 17.30 Le soluzioni progettate e i prototipi del progetto Makers4Dev – diretta da Ouagalab (lingua francese)

h. 18.00 Aperitivo

L’evento si tiene in lingua inglese, francese e italiano.

Per partecipare e’ fondamentale l’iscrizione su eventbrite
Per ulteriori info hello@wemake.cc


  • -

Il cibo che verrà…

Il 26 e il 27 Novembre 2013 a Milano si terrà la quinta edizione del Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione, uno degli appuntamenti di riferimento internazionale sui grandi paradossi legati all’alimentazione e alla nutrizione.

Il Forum si propone dal 2009, attraverso la voce dei più grandi esperti internazionali, di promuovere il dibattito sui temi globali legati al cibo e di trasformare la consapevolezza e le buone idee in interventi concreti.

L’obiettivo è quello di offrire importanti indicazioni e spunti di riflessione a policy maker, istituzioni e alla società civile, al fine di favorire una vita migliore e un benessere diffuso e sostenibile per tutte le persone.

Il 26 novembre sarà dedicato ai giovani protagonisti di BCFN YES!2013 che presenteranno le idee finaliste nell’ambito della sostenibilità agroalimentare. Seguirà un dibattito con giovani esperti internazionali.

Il 27 novembre i più importanti esperti internazionali si incontreranno per confrontarsi sulle sfide che coinvolgono il sistema agroalimentare globale. Tra i temi di confronto: la gestione delle risorse naturali con particolare riferimento all’acqua, la sostenibilità della filiera, lo spreco alimentare e il valore del cibo in una prospettiva futura.

In occasione del Forum ci sarà anche uno spazio dedicato agli Incontri con gli autori, nel corso del quale interverranno Danielle Nierenberg , Raj Patel, Camillo Ricordi, presenteranno le loro pubblicazioni e risponderanno alle domande del pubblico.

La partecipazione del pubblico è ad invito nella giornata del 26 novembre. Per partecipare gratuitamente alla giornata del 27 novembre è necessario iscriversi online dal 1 ottobre.

Sarà possibile seguire in diretta l’intera manifestazione in streaming.

 


  • -

Why Poverty?

Why Poverty? E’ una campagna mondiale che invita a una riflessione e soprattutto a pensare soluzioni al dramma della povertà.

Il progetto è partito con la semplice e sconcertante domanda sul perché nel XXI secolo un miliardo di persone vivono ancora in condizioni di povertà.

La campagna è composta da otto documentari di un’ora e mezza che sono distribuiti attraverso le tv, il web e le piattaforme mobili.

Gli otto documentari guardano alla povertà con un occhio diverso: osservando cause ma anche analizzando l’efficacia degli aiuti internazionali, l’istruzione e la parità di genere.

 

Tra novembre e dicembre 2012 sono stati trasmessi in più di 70 emittenti nazionali (Rai Storia in Italia), raggiungendo oltre 500 milioni di persone.

Sul portale dedicato all’iniziativa è possibile guardare i trailer degli otto documentari  ma da gennaio 2013 i documentari saranno visibili interamente.

Chi ha organizzato Why Poverty? non chiede soldi, chiede un intervento e una soluzione ai problemi.

Gli obiettivi dell’organizzazione Why Poverty? sono:

  • Raccontare storie che spingono le persone a pensare e ad essere parte della soluzione
  • Coinvolgere i migliori registi nella creazione di film provocatori e di grande impatto empatico
  • Fare rete con i media di tutto il mondo per confrontarsi  con un pubblico ampio e diversificato
  • Creare una campagna globale di sensibilizzazione, che integra le trasmissioni con materiali didattici
  • Contattare politici, donne e uomini di cultura, soggetti economici per  trovare soluzioni per il cambiamento

Visita whypoverty.net


linkedin
Facebook
Facebook