Arts Impact Fund

Arts Impact Fund

MeWe360 e uno degli otto progetti finanziati dall’Art Impact Fund di Londra assieme ad altri ambiziosi progetti come quello promosso dal Village Underground e dal Studio Wayne McGregor.
MeWe360 utilizzerà il prestito (£150,000) per acquisire un nuovo edificio più grande e aumentare così il suo programma di incubazione per gli imprenditori creativi. Il nuovo hub si pone l’obiettivo di promuovere e sviluppare gli imprenditori creativi delle minoranze etniche di Soho. MeWe360, un hub creativo fondato nel 2011, ha l’ambizione di trovare e testare nuovi approcci per guidare la diversità nell’arte e nel settore creativo.

LArts Impact Fund è un fondo di circa 7 milioni di sterline che investe nella cultura. L’arte e la cultura svolgono un ruolo essenziale nella vita quotidiana: ci ispirano, ci sfidano e ci educano.
Il fondo offre finanziamenti rimborsabili alle organizzazioni artistiche. Tra i requisiti richiesti, oltre ad essere organizzazioni inglesi operanti nell’ambito artistico e/o culturale, è avere come mission l’impatto sociale.
Il Fondo investe in progetti con ritorno artistico, sociale e finanziario. Si concentra sia sugli aspetti artistici che su quelli sociali promuovendo l’impatto positivo che l’arte ha sulla società.
Ad oggi arrivano a 16 i progetti culturali finanziati nel 2017 dal Arts Impact Fund, per un totale di oltre 5,4 milioni di sterline impegnati.

A fine settembre è prevista la prossima commissione per stanziare i fondi rimanent

Get in touch!


Open Days dell’Innovazione

Tags :

Category : Cultura , Sociale

Il 6 e 7 novembre 2017 presso BASE Milano, Via Bergognone 34 si terrà il primo evento italiano pensato per far incontrare il mondo degli innovatori con quello della cooperazione allo sviluppo.
L’evento Open Days dell’Innovazione è organizzato da Innovazione per lo Sviluppo insieme a Techsoup Italia.
Innovazione per lo Sviluppo un programma nato nel 2015 da Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo con la compartecipazione di Fondazione CRT, con l’obiettivo di esplorare le strade dell’innovazione tecnologica al servizio della cooperazione allo sviluppo, in particolare focalizzata su quattro filoni:
– Fabbricazione Digitale
– Open Innovation
– Data for Good
– ICT4D
Gli Open Days dell’Innovazione sono il primo evento italiano pensato per un pubblico di non profit, innovatori sociali, imprese, università, attori pubblici e privati.
L’Evento sarà strutturato in 2 giornate, con diversi slot che prevedono keynote di speaker internazionali, testimonianze di innovatori dal sud del mondo, workshop applicativi, sperimentazione pratica di prototipi,
spazi di networking e scambio informale.
Durante tutta la durata dell’evento sarà allestito l’Open Space, uno spazio espositivo di scambio tra gli innovatori e gli operatori della cooperazione internazionale nella formula dell’Open Space Exhibition.
Lo spazio sarà organizzato in 20 stand fisici in cui presentare progetti, prodotti (anche allo stadio di prototipo) e servizi con formati il più possibile interattivi ed esperienziali.
In parallelo, sarà allestito anche uno spazio online per lo scambio di domande, materiali, slide e demo tra i partecipanti, con l’utilizzo di applicazioni di audience engagement.
Le candidature potranno essere inviate attraverso il seguente modulo online: scadenza 28 settembre 2017, ore 18.
La comunicazione dei risultati avverrà entro il 10 ottobre 2017.
Gli espositori saranno selezionati in base alla qualità e originalità del loro progetto e alla coerenza con i temi dell’Open Space.
Per informazioni:
innovazioneperlosviluppo@gmail.com
info@ong2zero.org


Ambulanza fai da te

Le equipe di MSF lavorano generalmente in aree di conflitto o colpite da epidemie, zone spesso difficilmente raggiungibili e prive di strutture sanitarie. In questi contesti una tradizionale ambulanza non è il mezzo più adatto per muoversi velocemente.
Anup, Josie e Nils hanno pertanto cercato una soluzione per adattare una 4×4 in una ambulanza.
Per tre settimane Anup (infermiere), Josie (logista) e Nils (ingegnere) hanno ideato un sistema in grado di mantenere borse per endovena all’interno delle Land Cruise utilizzate sul campo.

Il primo passo è stato quello di raccogliere quante più informazioni possibili sul percorso di una sacca per endovena e il suo utilizzo da parte delle squadre sul campo. Come veniva spostata, maneggiata, utilizzata dalle varie persone dell’equipe. Questa raccolta di informazioni accompagnata da diversi test è servita per capire come vengono utilizzate le sacche. In questa fase di indagine sono stati coinvolti non solo i membri dello staff di MSF ma anche di altre ONG, operatori di ambulanze e persino i consulenti che lavorano per la Toyota.

Evaluation proto

Questa informazione ha portato alla creazione di profili standard di ogni persona coinvolta nell’uso di una sacca per endovena e il loro comportamento nei confronti della situazione. Questi profili hanno permesso ai team di replicare ciò che potrebbe accadere sul campo.
Dopo aver raccolto tutte le inormazioni, Anup, Josie e Nils hanno intrapreso la progettazione del prototipo (compreso l’interno di una Land Cruise) per simulare il progetto finito. Sono stati creati diversi prototipi del porta sacca, diversi tipi di cinture per tenere ferma la tasca, si sono pensate differenti collocazioni nella 4×4. A seguito di attente valutazioni si è scelto il modello con il design più semplice per abbreviare i tempi di realizzazione. Il prototipo è stato testato e si sono apportate nuove modifiche.prototipo per sacca endovenosa

Dopo tre settimane di lavoro, e molti colpi di scena nel progetto, si è arrivati alla realizzazione di un prototipo funzionante. Questo -a prima vista molto semplice- prototipo permette a chiunque di attaccare e rimuovere facilmente una sacca.
Questo risultato è solo la prima fase del progetto. Ora il prototipo sarà adattato su una Land Cruiser e verrà testata la sua funzionalità durante le ordinarie attività sul campo. Se i risultati sono positivi, tutti i Land Cruiser utilizzati da MSF saranno presto muniti di tali dispositivi.

Per approfondimenti: http://www.msf.fr/actualite/articles/comment-transformer-4×4-en-presque-ambulance


linkedin
Facebook
Facebook