L’italiano è per tutti

  • -

L’italiano è per tutti

In via Padova mangi il kebab migliore di Milano, fai due passi al parco trotter e vai alla bocciofila, compri i noodles al supermercato cinese, fai jogging sulla Martesana e vai dal calzolaio peruviano. È una strada sempre viva ma in cui il problema dell’integrazione è evidente. La lingua italiana è il primo e più importante strumento, e una scuola d’italiano gratuita, con insegnanti volontari è un servizio per tutta Milano.

L’Associazione di Promozione Sociale Villa Pallavicini, lavora su progetti sociali e d’integrazione da 18 anni.

Da 6 anni esiste anche la scuola gratuita di italiano per stranieri. La scuola conta su più di 40 volontari, 1 servizio di baby sitting per le donne che la frequentano e  600 allievi iscritti ogni anno. Di questi la metà sono donne ed il 10% sono minori. Molti sono minori non accompagnati, altri adolescenti o bambini neoarrivati che necessitano di supporto scolastico. I loro paesi di provenienza sono circa 37.  Partendo da un livello che può anche essere di analfabetismo totale, gli allievi sono accompagnati  lungo un percorso che prevede quattro step, finalizzato a sostenere l’esame indispensabile per il rilascio del permesso o la carta  di soggiorno ma soprattutto indispensabile per comunicare con i loro nuovi concittadini italiani.

La scuola si autofinanzia da sempre ma ora con la crisi rischia la chiusura per mancanza di fondi, togliendo così un servizio per tutti i cittadini milanesi e buttando a mare anche anni d’esperienza.

Villa Pallavicini chiede aiuto per comperare quaderni, dispense, materiale di cancelleria, pagare l’affitto e le utenze. Con il vostro aiuto la nostra scuola rimarrà aperta nel 2014.

Con 10 euro si potrebbero comperare 10 quaderni, con 20 euro, stampare 4 dispense, con 50 euro comperare i giochi per intrattenere i bimbi, con 100 euro una lavagna con rotelle.

Per contribuire a salvare la Scuola Gratuita di Italiano per stranieri di Villa Pallavicini puoi:

  • Donare attraverso la piattaforma di crowfunding 
  • Acquistare una o più collane tra quelle proposte sul sito
  • Fare una donazione  sul conto corrente dell’Associazione Villa Pallavicini
    IBAN IT 95 H 03359 01600 1000 0000 4101
    (scrivi nella causale DONAZIONE e potrai scaricarla dalle tasse)

  • -

Camerieri della vita

Un evento imperdibile, una serata unica in un nuovo “teatro-ristorante”, aperto per tutti coloro che desiderino appagare il palato e rinfrancar lo spirito.

All’interno di Teatro In-Stabile (II Casa di Reclusione di Milano-Bollate) in uno spazio elegante ed esclusivo, gli attori camerieri – detenuti e non – serviranno un menù completo dall’antipasto al dolce, insaporendo le vivande di un frammento delle loro vite.

La cena, curata da un catering altamente qualificato, sarà arricchita e ravvivata da momenti teatrali e musicali, dispersi tra una portata e l’altra, capaci di proiettare lo spettatore dentro un Cabaret senza tempo, animato da un pianista stralunato, da una cantante dall’ugola d’oro e dai “Camerieri della Vita”, allegri e pasticcioni, malinconici e raffinati, che danzando e sorridendo si prenderanno cura dei loro commensali, giocando ironicamente sulla differenza tra chi serve la vita e chi dalla vita è servito.

Provare a superare le grate del carcere per sedersi a tavola insieme ai detenuti consentirà allo spettatore di vivere un’esperienza eccezionale, e allo stesso tempo di sentirsi parte attiva in quel processo di inclusione e integrazione, necessario, forse indispensabile, per poter finalmente abitare una società più sana e sicura.

 

Camerieri della vita
cena con intrattenimento teatrale
a cura della Cooperativa Sociale Estia

Prossime date:
giovedì 24 ottobre
venerdì 25 ottobre

Luogo:
Teatro In-Stabile
c/o II Casa di Reclusione di Milano-Bollate,
Via Cristina di Belgioioso 120 – Milano

Costo: 40 € a persona

Prenotazione obbligatoria:
Form online all’indirizzo: http://www.cooperativaestia.org/schede/prenotazione-spettacolo

Per info:
www.cooperativaestia.org
estiacultura@cooperativaestia.org
Mobile: 331.5672144
Tel. e Fax: 02.23168216


  • -

#dayofthegirl

Nonostante oggi più ragazze che mai frequentino la scuola primaria, 31 milioni di bambine in età scolare ne sono ancora escluse.

Il tema della Giornata Internazionale delle Bambine indetta dall’Unicef e dalle altre agenzie dell’ONU di quest’anno è l’innovazione nell’istruzione femminile. Un uso intelligente e innovativo della tecnologia, delle politiche e delle partnership e, più di tutto, il coinvolgimento delle bambine e delle ragazze, sono fattori importanti per superare gli ostacoli all’istruzione femminile e per il raggiungimento di risultati concreti.

L’innovazione ha il potere di imprimere un cambiamento nell’accesso scolastico, nei programmi e nell’offerta didattica, rafforzando la partecipazione, l’apprendimento e l’empowerment delle bambine.

In Sudafrica, per affrontare le lacune nelle competenze in scienza, tecnologia e ingegneria, e per incoraggiare le ragazze ad impegnarsi maggiormente in questi campi, il programma Techno Girl individua le giovani che si trovano in scuole svantaggiate e le inserisce in programmi di tutoraggio aziendale e in iniziative per lo sviluppo di competenze. Conoscenza, pratica e empowerment.

L’innovazione può assumere diverse altre forme, così come un uso intelligente e creativo della tecnologia per l’innovazione nelle partnership, nelle politiche, nell’utilizzo delle risorse e nella mobilitazione comunitaria.

È lampante che sia necessario un nuovo modo di pensare per colmare i divari che ci separano dagli obiettivi globali su istruzione e uguaglianza di genere.

Guarda il video che Kate Perry, ambasciatrice dell’Unicef. ha girato in occasione della Giornata Internazionale delle Bambine.


linkedin
Facebook
Facebook